ZAMBRONE

Il toponimo "Zambrone" ha origine incerta. Nella dizione locale si registrano le forme Zzambroni e Zzambronë. È probabile che il primo nucleo abitato sia stato fondato da un gruppo di profughi provenienti dal villaggio di San Giovannello, che abbandonò il loro paese per sfuggire alle incursioni dei pirati. Secondo un'altra ipotesi, il borgo fu fondato dagli abitanti di Aramoni, in fuga da Roberto d'Angiò che, nel 1310, fece bruciare le loro case. In epoca successiva Zambrone fu casale di Tropea di cui seguì le sorti. Con il riordino amministrativo disposto dai Francesi, il centro fu elevato a Luogo e fu inserito nel governo di Parghelia. Il decreto del 4 maggio 1811 rese Zambrone a Comune assegnandogli i villaggi di San Giovanni, Dafinà e Dafinacello. Lo stesso decreto lo trasferì nel circondario di Briatico. Con legge borbonica dell'1 maggio 1816 fu inserito nel circondario di Tropea. La produzione agricola di Zambrone è fortemente caratterizzata da prodotti tipicamente calabresi che si distinguono per particolari valori organolettici e varietà molto prelibate. Oltre ad una grande produzione di olio, Zambrone è famosa per la produzione dei fagioli, detti "al burro", molto buoni e particolari. La cipolla di Tropea è in realtà quasi interamente coltivata a Daffinacello, in quanto il solo territorio di Tropea ne produrrebbe in quantità non necessaria all'ormai enorme domanda di questo prodotto. Il re delle coltivazione è il peperoncino, coltivato ovunque a Zambrone e usato in preparazioni tipiche. Molto caratteristico è il corbezzolo, detto in dialetto cucummaro, altro prodotto tipico della zona. Si trovan nelle siepi di San Giovanni in prevalenza e sulla strada che collega san Giovanni a Daffinà (detta appunto cucummarara). Particolarmente rinomata è l'uva bianca di Zambrone, detta zibibbo, dalla quale si ricava un eccellente vino da dessert.




 


Indirizzo Via Corrado Alvaro
  89868 Zambrone (VV)
Telefono 0963 392022
Fax 0963 392023
Sito web www.comune.zambrone.vv.it
 

 

Zambrone si trova sul litorale tra Briatico e Parghelia, lungo la Costa degli Dei. Sino a qualche decennio fa questo piccolo centro, posto sul litorale tra Briatico e Parghelia, era dedito esclusivamente all'agricoltura e alla pastorizia, ma negli ultimi anni ha conosciuto un rapido sviluppo turistico. Rinomata è la sua Marina, che presenta una costa non uniforme, caratterizzata da tratti di sabbia bianca e fine che si alternano a quelli rocciosi. Importanti e numerosi sono gli stabilimenti balneari e le strutture legate al turismo. Per il divertimento di tutti nel periodo estivo è attivo il rinomato Aquapark di Zambrone, con varie piscine con scivoli, immerso nel verde.

Oltre al caratteristico centro storico, a Zambrone è possibile visitare la chiesa di San Carlo, le cui origini sono molto antiche. Sorge nel cuore di Zambrone, in Piazza San Carlo, completamente distrutta dal terremoto del 1905, fu poi ricostruita, subendo altre modifiche nel corso del XX secolo.



meandcalabria-header.png
ME AND CALABRIA
CREA IL TUO ITINERARIO DI VIAGGIO E CONDIVIDILO CON CHI VUOI.


SCEGLI DOVE DORMIRE



mappa-header.png
MAPPA
IL TUO VIAGGIO PERFETTO